Orietta Farina

 Il viaggio è un modo di essere, di vedere, di sentire… un modo per avvicinarsi agli altri e ritrovare noi stessi.

Orietta ha intrapreso la strada del turismo a 14 anni, curiosa di conoscere il mondo. Per lei la più grande soddisfazione è vedere l’emozione dei clienti che viaggiano e scoprono nuovi luoghi.
Fin da piccolissima, per dar voce alla sua passione, traccia i primi itinerari: durante le vacanze estive ed invernali attraverso il traforo del Monte Bianco in auto verso la Francia, dove ascoltava il fantastico mix di idiomi e dialetti e i racconti dei cugini francesi sui loro viaggi in America e in Africa;  le vacanze in barca in Camargue, vivendo il porto con il suo viavai di persone e barche, voci e profumi sconosciuti, i risvegli all’alba in attesa del ritorno dei pescherecci, salpare ogni giorno verso mete e luoghi nuovi... così è nata la sua wanderlust.
La sua destinazione preferita è senza dubbio l’Africa: i suoi profumi, i tramonti, l’energia e gli insegnamenti che solo il continente nero sa donare, le trasmettono un grande senso di libertà e di equilibrio. Ricorda ancora con emozione il suo primo viaggio in questa terra, il sorvolo durante la grande migrazione in Kenya; un’emozione unica e mai provata che l’ha commossa profondamente e considera uno dei giorni più indimenticabili di tutta la sua vita da viaggiatrice.
Indimenticabile è stato anche il suo viaggio in Lapponia in occasione di un capodanno con le sue figlie, attraversando paesaggi innevati e ghiacciati tra alberi immensi sommersi di neve, nel silenzio più assoluto, ammirando la magia dell’aurora boreale. 
Non chiude mai la valigia senza averci prima infilato un buon libro che, anche se non trova il tempo di leggere, rimane così un ricordo di quel viaggio: riprenderlo in mano e sfogliarlo la riporta subito nei luoghi visitati.
Il lusso per lei è il tempo; tempo per ascoltare, desiderare di ricercare qualcosa, predisporsi alla scoperta, incontrare persone nuove, emozionarsi e ritrovare sé stessi.
Non dimenticherà mai il suo primo viaggio oltreoceano, a 21 anni, in volo verso il Messico. In tre parole: adrenalina a mille! Ma il suo viaggio preferito è la navigazione sul fiume, per godersi i ritmi lenti e rilassanti e immergersi nel paesaggio che cambia e la riporta ad atmosfere antiche. 
Il viaggio per lei inizia quando decidi la meta, definisci le tappe, raccogli informazioni, lo immagini e lo fai tuo.
DESTINAZIONI